I tipi di insalata selezionati da L’Italiano

L’Italiano Food propone diversi tipi di insalata, da gustare come contorno dell’hamburger, all’interno del panino o addirittura come piatto unico. Lattuga romana, iceberg o misticanza, puoi scegliere quella che preferisci per un pranzo leggero ma gustoso.

L’insalata è perfetta per chi voglia mantenere uno stile di vita sano ed una forma smagliante. E’ ricca di potassio, fosforo, vitamine ed è ipocalorica. E’ infatti consigliata per le diete.

Quali sono le tipologie di insalata

Nel nostro locale potrai gustare delle sfiziose tipologie di insalata, come:

  • la Caesar Salad, preparata con insalata misticanza, salsa caesar, trancetti di pollo alla griglia, crostini di pane tostato e scaglie di grana padano (8 euro);
  • l’insalata italiano, a base di insalata misticanza, zucchine grigliate, olive nere, uova sode, pomodorino secco, tonno e olio al basilico (10 euro);
  • l’insalata norvegese, realizzata con pomodorini, insalata misticanza, salmone affumicato, mela verde, noci e miele di castagno (11 euro).

Le porzioni sono abbondanti. Non manca poi l’insalata per vegani e vegetariani con insalata verde iceberg, sedano, pomodoro ramato, tofu, basilico, mela verde, olive taggiasche e noci. Una variante che ben si adatta agli amanti dei sapori delicati in un unico e semplice piatto fresco.

Quanti tipi di insalata esistono

Ma quanti tipi di insalata esistono? Sono povere di grassi, ricche di sali minerali e fibre e sono almeno 13 le varietà più note:

  • il crescione, dal sapore acidulo e piccante;
  • l’indivia belga, un po’ amarognola;
  • il dente di leone, dalle proprietà depurative;
  • la lattuga lolla rosa, croccante e leggermente amara;
  • l’insalata riccia, che può essere consumata sia cruda che cotta;
  • la lattuga romana, la più diffusa in Italia;
  • la rucola, dalla nota amarognola e pungente;
  • lo spinacino, ricca di ferro;
  • soncino o valeriana, dalle proprietà lassative, rivitalizzanti e diuretiche;
  • l’iceberg, croccante e dal sapore delicato;
  • trocadero o cappuccino, che ha proprietà sedative e analgesiche;
  • la cicoria asparago, dal sapore leggermente amarognolo;
  • la lattuga canasta, consumata grigliata, lessata o cruda

Come riconoscere le varietà di insalate

Oltre a quelle sopracitate, ci sono altre varietà di insalate, come la scarola, la cicoria rossa, la cicoria catalogna e tante altre. Elencarle tutte sarebbe difficile, ma questo breve accenno ci può dare almeno un’idea di quante ne esistano. Ma come possiamo riconoscerle allora?

I criteri di classificazione si basano fondamentalmente sul tipo di foglia (larga, stretta, riccia) e sul sapore (raffinato, delicato, amarognolo). Non tutte le insalate possono essere consumate allo stesso modo, ma l’ampia offerta consente di certo di poter dare libero spazio alla fantasia in cucina.

Hai già provato le insalate dell’Italiano Food? Vieni ad assaggiarle tutte, scegli la tua preferita e gustala in tutta la sua freschezza e genuinità.

 

 

 

Prenotazioni
close slider